SERIE B GIRONE A 15^ giornata

ENIC Pino Dragons Bk Firenze-Vinavil Cipir Domobasket Domodossola 81-66
Coelsanus Robur et Fides Varese-Solbat Basket Golfo Piombino 78-91
Paffoni Omegna-Blukart San Miniato 81-73
La Sovrana Pulizie Virtus Siena-Fiorentina Basket 67-76
Allmag PMS Moncalieri-Mamy Oleggio 81-57
Gessi Valsesia-GR Services Basket Cecina 85-76
Gioiellerie Fabiani Montecatini Terme-USE Computer Gross Empoli 64-47
LTC Sangiorgese Basket-Valentina’s Bottegone 63-79

 

64-47

«GIOIELLERIE FABIANI» BASKET MONTECATINI

Rizzitiello 23, Meini 9, Caroli 5, Tabbi 5, Petrucci 10, Del Frate, Circosta 6, Bianchi 3, Pellegrini, Di Giacomo. All. Campanella

USE «COMPUTER GROSS» 

Terrosi 3, Sesoldi 6, Giannini 6, Mariotti 13, Bei 10, Marusic 4, Scali 2, Ghizzani 3, Mascagni, Berni. All. Bassi (ass. Mazzoni/Finetti)

Arbitri: Santilli di Recanati e Bertuccioli di Pesaro.

Parziali: 11-8, 12-18, 22-11, 19-10

Una seconda metà di partita pessima condanna l’Use Computer Gross alla sconfitta per 64-47 nel derby di Montecatini Terme. La squadra di coach Bassi resta di fatto in campo per metà partita, tanto che, dopo aver chiuso avanti al 10′, va al riposo lungo avanti 23-26. Ma al ritorno dallo spogliatoio si spegne letteralmente la luce e i termali piazzano un break di 22-11 che è quello che, di fatto, deciderà la partita. Nella frazione finale, poi, la musica non cambia visto che il parziale è di ben 19-10 con l’Use che chiude segnando appena 47 punti. Una sconfitta che chiude così amaramente il girone di andata anche se questo pesante ko non deve certo far dimenticare quanto di buono fatto in questa prima metà di campionato che vede i biancorossi al quarto posto della classifica e quindi perfettamente in linea con quelle che erano le aspettative di inizio anno.

Fonte: Use Basket

 

LA BLUKART SFIORATA L’IMPRESA CONTRO LA PRIMA DELLA CLASSE. OMEGNA LA SPUNTA SOLO NELL’ULTIMO QUARTO

Paffoni Omegna – Blukart Etrusca San Miniato 81 – 73

Omegna: Simoncelli 13, Dagnello 5, Fratto 3, Villa 6, Corral 13, Gasparin 25, Arrigoni 16, Gurini, Barberis ne, Bianchi ne. All. Ghizzinardi Ass. Belletti

Etrusca: Grassi, Giacomelli 6, Stefanelli 17, Zita 7, Bertolini 7, Benites, Giarelli 24, Gaye 5, Perin 5, Capozio 2. All. Barsotti Ass. Ierardi e Carlotti

Parziali: 28 – 22, 41 – 37, 54 – 56, 81 – 73

 

Una bella Blukart, che sa mettere in campo la giusta cattiveria e determinazione per tutti i quaranta minuti della gara, sfiora l’impresa sul campo della capolista. Partenza shock per i ragazzi di coach Barsotti, che nel primo quarto vengono annichiliti dalla verve dei piemontesi, che raggiungono, con Corral e Gasparin, top scorer della gara con 25 punti, anche i 14 punti di vantaggio. La reazione dell’Etrusca non tarda: Giarelli guida l’attacco dei pisani che riescono a rientrare fino al 28 a 22, dopo i primi dieci minuti. Il secondo quarto vede grande equilibrio, con la Blukart che, riacciuffata la gara, riesce a stare sempre ad un possesso o due distanza, con le buone prove del solito Stefanelli, autore di 17 punti a fine gara, e Capozio. All’intervallo lungo i padroni di casa mantengono quattro punti di vantaggio, ma nel terzo quarto l’Etrusca prende in mano la gara, con una difesa che limita al massimo le iniziative di Simoncelli e Gasparin, e la verve offensiva di Giarelli, per la seconda partita consecutiva miglior marcatore della gara per San Miniato con 24 punti all’attivo. San Miniato raggiunge anche i cinque punti di vantaggio è solo qualche errore a fine terzo quarto diminuisce il vantaggio a due punti, a dieci minuti dal termine della gara. L’ultima frazione vede le veemente reazione dei padroni di casa, che si scuotono subito con due bombe di Villa e Arrigoni, quest’ultimo autore di un ultimo quarto di altissimo livello, con la Blukart che rimane comunque sempre attaccata alla gara, con le ripartenze di Zita e Perin. Ci vuole tutto il cinismo e l’esperienza di Simoncelli e compagni per strappare la gara solo negli ultimi possessi ad una Etrusca, che non ottiene la posta in palio ad Omegna, ma è comunque protagonista di una prova di grande spessore, su un campo difficile come quello della capolista. “Abbiamo lottato alla pari con la prima della classe, e questo ci deve rendere molto orgogliosi.” le prime parole di un soddisfatto coach Barsotti “Se riusciremo a ripetere gare simili, con questo senso di sfida, potremo davvero centrare i nostri obiettivi. A volte in questo girone di andata i ragazzi hanno si sono sentiti in dovere di vincere, ma questo è un errore perchè il livello medio degli avversari è alto e noi non abbiamo esperienza sufficiente per gestire emotivamente questi stati d’animo e finiamo col perdere energie nervose, che ci occorrono in campo. Stasera eravamo sereni e abbiamo fatto una grande gara anche, se paghiamo alcune ingenuità, che su questi campi non ti vengono perdonate. Limitarle deve diventare il nostro principale obiettivo per il girone di ritorno. Questo fase di andata ci ha regalato molte soddisfazioni e una posizione in classifica che sin dall’inizio ci ha fatto lavorare con serenità. Ma dovremo mantenere le antenne dritte, ed avere l’umiltà e la maturità di guardarci sempre le spalle, perchè ottenere la salvezza diretta non sarà per niente facile con una classifica così raggruppata. In più vorrei che i miei ragazzi, per media eta’ il gruppo piu’ giovane del girone, avessero l’ambizione e l’incoscenza di non porsi limiti e di continuare a coltivare il sogno di rendere questa stagione indimenticabile.”.

Fonte: Etrusca

SERIE C GOLD TOSCANA 14a giornata
Cmb Lucca – Castelfiorentino 57-41
Pall. Empoli – Olimpia Legnaia 70-63
Libertas Liburni – Synergy Valdarno 70-64
Cmb Carrara – Montale 63-45
Virtus Certaldo – Valdisieve 65-56
Pall. 2000 Prato – Agliana 73-63
Pielle Livorno – Altopascio 87-78
Folgore Fucecchio – Don Bosco Livorno 55-87

CERTALDO

Nell’ultima giornata del girone d’andata del campionato di serie C Gold, la Virtus Lorenz C.M.S. Certaldo ha interrotto una serie di 3 sconfitte consecutive, con la quale si era concluso malamente il 2016, vincendo in casa contro Val di Sieve per 65-56 (16-17, 36-27, 50-42, 65-56). Questa squadra era già stata affrontata una volta in casa nel corso di questa stagione, il 25/09/2016 nei quarti di finale di Coppa Toscana. La gara per la Virtus Certaldo si era conclusa con una sconfitta per 59-66, ma fu affrontata in formazione assai rimaneggiata, priva di Barbieri, Moroni, Cataldo (allora non faceva ancora parte della “rosa”), Granchi e Fimia. Questa volta la Virtus Certaldo è riuscita a vincere, conquistando 2 punti utili soprattutto per il morale della squadra. La partita è stata caratterizzata da un 1° quarto giocato “punto a punto”, con molti sorpassi e controsorpassi. Il 1° quarto è stato anche l’unico nel quale la Val di Sieve è riuscita a tratti a stare davanti nel punteggio, toccando in 2 occasioni il suo massimo vantaggio (0-4 al 2° e 13-17 al 9°). Dal 9° al 15° si è rotto l’equilibrio. La Virtus Certaldo, grazie ad un parziale di 17-2 a suo favore, è scappata via nel punteggio, portandosi a +11 (30-19 al 15°). Questi 6 minuti, gli unici non equilibrati di tutta la gara, hanno di fatto deciso la partita, perché da allora le 2 squadre si sono praticamente equivalse, con il distacco che è sempre rimasto intorno ai 10 punti, e comunque sempre compreso fra i 7 e i 13 punti, salvo un’unica eccezione nei minuti finali, quando la Val di Sieve ha prodotto il suo massimo sforzo portandosi fino a -5, anche se poi non è riuscita a giocarsela fino in fondo, cedendo nuovamente nell’ultimo minuto. La Virtus Certaldo ha affrontato oggi una squadra “rognosa”, protagonista nel girone d’andata di risultati molto altalenanti e con punteggi spesso bassi, contro la quale non è facile produrre un buon gioco. Nonostante tutto la Virtus Certaldo è riuscita a vincere, grazie ad una buona prestazione in fase difensiva, ma soprattutto perché a differenza delle ultime partite non ha avuto periodi di completo “black-out”. In fase offensiva, come sappiamo, le assenze in questa stagione di Cantini e Visigalli si fanno sentire assai, la squadra dipende molto da Pucci, in parte anche da Tognazzi e Moroni, e purtroppo è ancora alla ricerca del vero e proprio Fimia, che costretto a saltare la prima parte della stagione per vari motivi, non è ancora tornato il giocatore spesso capace di fare la differenza. Rispetto alle scorse stagioni è soprattutto nelle % del tiro da 3 che la squadra ha accusato un calo piuttosto consistente. Dopo questo girone d’andata trascorso un po’ in chiaroscuro (anche a causa di una formazione estremamente rinnovata), vedremo cosa riuscirà a fare la squadra nel girone di ritorno, ci sono margini di miglioramento sotto diversi punti di vista, e sarebbe già un grosso passo in avanti se la squadra riuscisse ad eliminare del tutto o quasi i numerosi “black-out”, che spesso sono stati la causa principale di alcune sconfitte di questi mesi.

Prossima partita per la Virtus Certaldo domenica 15/01 (ore 18.00) in trasferta contro Pallacanestro Prato.

Questi i tabellini. Virtus Certaldo: Pucci 23, Tognazzi 14, Borgianni 11, Cataldo 9, Spampani 5, Moroni 3, Fimia 0, Calvani 0, Basili n.e., Guainai n.e., allenatore Baldini.

Val di Sieve: Occhini 12, Coccia 10, Cherici 10, Corsi 9, Fracassini 7, Rossi 6, Bandinelli 2, Piccini N. 0, Piccini C. 0, Municchi n.e., De Marco n.e., allenatore Pescioli.

FONTE: Certaldo

LAI PALLACANESTRO EMPOLI – OLIMPIA LEGNAIA 70-63 (16-14/27-32/43-51)
LAI Pall.Empoli: Braico, Lemmi 10, Balducci 3, Fantoni 4, Mencherini N. 7, Mencherini L. 8, Verdiani 19, Barbetta, Cervigni, Doveri 19, Gouadjio, Lapi. All.Angelucci.
Olimpia Legnaia: Zani 28, Vienni, Ademollo 2, Cambi 6, Temoka 4Rosi, Nardi 8, Conti 13, Bianchi, Tarchi M. 2, Tarchi P. Del Secco. All.Zanardo.
Con la partita di stasera abbiamo riagganciato in vetta Castelfiorentino, sconfitto a Lucca nel pomeriggio, ma a 10 dal termine sembrava proprio una di quelle partite storte che difficilmente si rimettono in carreggiata, invece i nostri ragazzi hanno stupito tutti come al solito e dal meno 7 del terzo tempino, è scattato qualcosa in loro che Zani e soci non sono riusciti ad arginare. Uno strepitoso Verdiani al rientro dopo il fastidioso infortunio, utilizzato pocopiu’ di 21 minuti ma in grado di infilare 19 punti, 12 dei quali solo nell’ultima frazione e il sempre piu’ cecchino Doveri con altrettanti 19, hanno piegato Legnaia che si affidava al solito Zani autore di 28 punti, mentre capitan Lemmi catturava 10 rimbalzi e metteva a referto altrettanti punti. Al termine del match, coach Zanardo non si dava pace per la grossa occasione svanita, mentre il nostro allenatore Angelucci, sottolineava quanto sia difficile rientrare in campo dopo una lunga sosta di festivita’ e trovare la giusta concentrazione del clima partita.
Fonte: Empoli

Rientro amaro dalla sosta per l’Abc che si arrende a Lucca per 57-41 nell’ultima giornata di andata.

Una Abc in piena emergenza infortuni non riesce nell’impresa di espugnare l’ostico parquet del Cmb Lucca da cui esce sconfitta per 57-41 nell’ultima giornata del girone di andata.
Oltre a Belli assenti anche Montagnani (problema muscolare) e Manetti (in panchina solo per onor di firma) e con Corbinelli a mezzo servizio a causa di un problema al ginocchio: praticamente fuori quasi tutti gli esterni titolari, e chiramente le assenze hanno pesato, e non poco. Ampio spazio dunque ai giovanissimi, Daly e Tozzi in primis, che hanno avuto alto minutaggio e hanno provato a contrastare i padroni di casa (tra i quali assente Dracker) che però, nella terza frazione, sono scappati facendo valere la loro esperienza e una maggior precisione al tiro. Basti guardare il punteggio finale per capire quanto si sia trattato di una gara indubbiamente sottotono dal punto di vista offensivo, ed il break fatale è arrivato proprio nella terza frazione quando un 25-12 di parziale ha permesso a Lucca di prendere in mano l’inerzia e poi gestire il vantaggio fino allo scadere.

Starting five Abc: Corbinelli, Daly, Papi, Taiti, Delli Carri. Avvio di gara caldissimo dalla lunga distanza: Del Debbio e Danesi sponda Lucca, Corbinelli e Papi sponda Abc per l’11-8 a metà frazione. A questo punto, però, la mano si ghiaccia sia dall’una che dall’altra parte finchè Benini infila il 13-8 su cui si chiude il periodo. Ancora Danesi e Benini scrivono il +10 Lucca (18-8) in avvio della seconda frazione, ma l’Abc risponde con Corbinelli per il -2 (21-19). Russo riporta i suoi a +6 (25-19) e Delli Carri dalla lunetta manda tutti al riposo lungo sul -5 Abc (25-20).
Al rientro dagli spogliatoi, però, una gara fino a quel momento rimasta in equilibrio, prende una piega tutt’altro che felice per i gialloblu, come si evince dal parziale del terzo periodo. L’Abc non riesce a trovare la via del canestro tanto che nei primi otto minuti della frazione gli unici quattro punti messi a segno dalla truppa castellana portano la firma di Taiti e Daly. Lucca ne approfitta e scappa toccando il +21 al 28′ (45-24) finchè la doppia tripla firmata Corbinelli/Taiti chiude la frazione sul 50-32. Nell’ultimo quarto è ancora Taiti che prova a tenere a galla i suoi dalla lunghissima distanza (54-38 al 34′), ma Lucca amministra il vantaggio e per l’Abc c’è poco da fare. Finisce 57-41.

Fonte: Abc

A proposito dell'autore

Redazione

Sempre pronti a pubblicare le vostre notizie di sport. Scriveteci a redazione@valdelsasportiva.it / 3394914562

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*