I COMMENTI SONO A CURA DELLE SOCIETA’

 

RISULTATI BASKET – QUARTA GIORNATA

SERIE B

65-67 

FULGOR «PAFFONI» OMEGNA

Simoncelli 13, Dagnello 4, Fratto 6, Villa, Corral 7, Gasparin 14, Arrigoni 9, Barberis, Bianchi, Gurini 12. All. Ghizzinardi.

USE COMPUTER GROSS

Giannini, Berni 2, Mariotti 6, Sesoldi 8, Ghizzani 3, Scali 4, Mascagni 12, Terrosi 11, Marusic 3, Bei 18. All. Bassi

Parziali: 16-15, 26-35 (10-20), 48-46 (22-11), 65-67 (17-21)

 

Alla fine i punti che ti danno in classifica sono i soliti due ma il loro peso specifico cambia, eccome se cambia. E’ per questo che la vittoria che l’Use Computer Gross coglie a Verbania dove gioca Omegna è di gran lunga la più importante di questo ottimo inizio di campionato che vede la squadra di Bassi a punteggio pieno e con una partita ancora da giocare. Sogni di gloria? Presto per dirlo, ma è certo che andare a vincere sul campo della squadra considerata la più attrezzata per la vittoria finale e soprattutto in quel modo proietta sicuramente la Computer Gross fra le migliori di questo inizio di campionato e sancisce il suo ritorno in grande stile in quel girone nord che aveva lasciato due stagioni fà nel peggior modo possibile. Anche la forma, appunto, è importante oltre alla sostanza. In queste prime tre gare iniziali la squadra di Bassi ha infatti già dimostrato di avere una sua precisa identità, figlia della lunghezza del roster () e di doti caratteriali che si sono rivelate ancora una volta decisive. Non si spiega, altrimenti, il 3-18 di parziale col quale i biancorossi reagiscono al sorpasso dei padroni di casa giunto proprio al 30′, un frangente nel quale era più logico attendersi un crollo anche psicologico piuttosto che una veemente ed entusiasmante reazione.

Ma andiamo con ordine per raccontarla tutta questa seconda vittoria esterna che vede i biancorossi partire subito bene con un Bei dominante a rimbalzo – specie offensivo – e iniziare a macinare il loro basket. Al 10′ siamo 16-15, Omegna è nervosa mentre Terrosi mette la prima bomba biancorossa che dà il via ad un parziale di 0-10 (con lui a segno anche Mascagni e Bei). Ghizzinardi chiama timeout  e Corral scuote i suoi con una bomba a cui ribatte l’ancora ottimo Mascagni con i 5 punti che valgono il 20-32 che diventa 26-35 al riposo lungo. Il ritorno in campo di Omegna è ancora da incubo e non a caso, già dopo 30 secondi, la squadra è seduta attorno al suo coach che evidentemente trova le parole giuste visto che piano piano arriva una reazione. E’ questa l’unica fase nella quale i biancorossi mollano le redini della partita e nel finale incassano un parziale che una bomba di capitan Gurini trasforma nel sorpasso al 30′: 48-46. L’inerzia passa in mano ad Omegna, il palazzetto è carico come non mai e si ha l’impressione che da lì in avanti per la Computer Gross sia tutta una salita, ma così non è. La bomba di Ghizzani, ancora una volta monumentale, apre la danze e subito gli va dietro Sesoldi che in questa frazione finale è ancora una volta determinante sia come atteggiamento (e questa non è una novità), ma anche come relizzazione visto che firma proprio lui la bomba del +11 che poi Terrosi ribadisce nel più 13: 51-64. Il parziale a quel punto è di 3-18 ma l’ottimo Gasparin non molla e riavvicina i suoi fino al 64-66 del 9° minuto. A 14 secondi dalla sirena l’Use è avanti 64-67, Ghizzinardi nel time out disegna un gioco che porta due volte i suoi a cercare le bombe del pareggio che, però, entrambe le volte si fermano sul ferro. Finisce 65-67.

E sabato un altro big-match: alla Lazzeri arriva Moncalieri.

Marco Mainardi

ETRUSCA

Gioiellerie Fabiani Montecatini Terme – Blukart Etrusca San Miniato 74 – 63

Montecatini: Ciervo, Circosta 14, Rizzitiello 19, Del Frate 6, Meini 9, Di Giacomo 2, Bianchi 6, Petrucci 13, Pellegrini, Tabbi 6. All. Campanella Ass. Mercogliano e Cardelli

Etrusca: Grassi 7, Giacomelli 9, Stefanelli 16, Zita 4, Bertolini 2, Benites 7, Giarelli 4, Gaye 9, Perin 7, Capozio. All. Barsotti Ass. Ierardi e Carlotti

Parziali 27 – 14, 35 – 30, 59 – 41, 74 – 63

La Blukart cade per la prima volta nella stagione 2016/2017 sul difficile campo del Palaterme di Montecatini, con i locali che possono continuare la corsa in testa al campionato, a punteggio pieno dopo quattro gare. I ragazzi di coach Barsotti pagano una partenza shock, con il tabellone che segna un parziale pesantissimo di 16 a 2 per i termali, con le bombe di Petrucci e Circosta a dare un primo break importante alla gara. Nonostante la partenza difficile, l’Etrusca prova a scuotersi, e trova dalla panchina, con Grassi e Giacomelli, le risorse per cominciare a rosicchiare i primi punti ai padroni di casa, per un primo parziale che si chiude sul 27 a 14 per Montecatini. Nel secondo quarto la banda di coach Barsotti ritrova i ritmi consueti in fase difensiva, concedendo solo 8 punti ai locali e riducendo lo svantaggio fino al 35 a 30 all’intervallo, con Gaye, Benites e Perin sugli scudi. Il terzo quarto è giocato sul filo dell’equilibrio per tutta la prima parte, con la partita che sale di tono sul piano della fisicità e dei contatti; Montecatini riesce a sfruttare meglio la propria fisicità ed esperienza e piazza un parziale decisivo per la gara, con Rizzitiello e Circosta che portano i locali sul 59 a 41 a inizio ultimo quarto. Stefanelli, top scorer per l’Etrusca con 16 punti, tutti nella seconda parte della gara, prova la rimonta, ma i ragazzi di coach Campanella sono bravi a gestire il vantaggio per tutta l’ultima frazione e San Miniato assapora così il gusto amaro della prima sconfitta stagionale. “E’ stata una partita difficile, perché i nostri avversari hanno disputato davvero una buona gara, con percentuali altissime, soprattutto ad inizio gara.” le parole a caldo di coach Barsotti “Dopo la partenza difficile siamo stati molto bravi a ricompattarci ed avere idee più chiare, dando inizio ad una bella rimonta. Nel terzo quarto, nel momento dello strappo che si è rivelato decisivo, abbiamo commesso errori al tiro e pagato un po’ di sfortuna sui singoli episodi. Va detto però che non abbiamo mai smesso di lottare, fino all’ultima sirena. Nel nostro percorso di crescita dovremo essere bravi ad imparare dalle sconfitte e ricevere preziosi insegnamenti per le occasioni future.”

RISULTATI E CLASSIFICA

FONTE: ETRUSCA

SERIE C GOLD

LAI PALL.EMPOLI – LOREX VALDISIEVE 65-57 (16-17/30-28/47-41)
LAI Pall.Empoli: Toni, Lemmi 9, Balducci 2, Fantoni 6, Mencherini N. 6, Mencherini L. 2, Verdiani 20, Barbetta, Alderighi 3, Doveri 17, Gouadjio, Lapi. All.Angelucci
Lorex Valdisieve: Bandinelli 10, Piccini, Corsi 15, Cianchi, Rossi 9, Occhini 7, Coccia 4, Cherici 8, Fracassini, Municchi, Piccini 4. All. Pescioli
Arbitri: De Soricellis e Uldbank
Ancora una vittoria per le “crocchette” biancoblu’, stavolta ai danni dell’imbattuta capolista Valdisieve e da stasera inaspettatamente riagganciata in vetta. La partita parte subito bene per i nostri con una bomba da tre di Verdiani, anche stasera in grande spolvero autore di 20 punti, ma i fiorentini reggono bene l’urto e viaggiamo fianco a fianco per tutta la frazione. Nel secondo tempino è Doveri a prendersi qualche responsabilita’ in piu’ ma comunque all’intervallo lungo il vantaggio nostro è solo di due lunghezze. Nella terza frazione l’equilibrio si spezza dopo un tecnico alla panchina ospite e noi alziamo un po’ di piu’ la testa chiudendo il terzo sopra di sei. Ultima frazione e la partita rimane pressoche’ in equilibrio dove solo una bomba da tre di Bandinelli riaccende le flebili speranze di Valdisieve, ma i nostri controllano bene la sfuriata finale ospite, portando a casa due preziosissimi punti. Adesso piedi ben saldi a terra e da Lunedì testa al Certaldo, prossima nostra avversaria fuori casa.

Prova corale per l’Abc che espugna Agliana 61-77.

Una Abc che vince e soprattutto convince quella che espugna il parquet neutro di Montale imponendosi su Agliana per 61-77.
Prova corale del collettivo gialloblu contro una delle squadre più accreditate per il salto di categoria: tutti in campo i ragazzi di Daniele Bagnoli, e tutti pronti a mettere il proprio mattoncino per portare a casa questi due punti pesantissimi. Da sottolineare le prestazioni di Giovanni Corbinelli e Giuliano Delli Carri, che senza ombra di dubbio hanno rappresentato i due fari in questo blitz castellano: 19 punti con il 70% dal campo (100% da due, 50% da tre) e il 100% ai liberi per Corbinelli, 13 punti e 8 rimbalzi per Delli Carri contro la coppia di lunghi formata dall’ex Puccioni e Pinna. Ottima prestazione, comunque, sia dei titolari che della panchina gialloblu, tanto sul piano tecnico quanto su quello mentale nel saper gestire per quaranta minuti una gara così complicata, ma di fatto avuta sempre saldamente in mano.

Starting five Abc: Delli Carri, Tozzi, Corbinelli, Manetti, Belli. Primi minuti punto a punto (10-10 al 4′), poi l’Abc allunga con Corbinelli e Tozzi (10-16) toccando il +9 con Delli Carri (12-21 al 7′). Agliana prova a rientrare con la tripla del suo uomo di punta, nonchè top scorer del match, Bogani (23 realizzati) per il 15-21, ma i gialloblu amministrano e Papi infila il +10 su cui si chide la frazione (15-25).
Nel secondo periodo si fatica a segnare: la palla entra per la prima volta nella retina dopo quasi tre minuti ed è Puccioni a siglare il 17-25. Ma un break di 0-7 firmato Belli-Delli Carri vale il +16 Abc al 14′ (18-34). Agliana torna a -10 con Nieri (25-35), ma Tozzi e Papi ristabiliscono il +15 (27-42), finchè il solito Bogani manda tutti al riposo lungo sul 31-42.
Al rientro Corbinelli apre le danze castellane dall’arco dei 6,75 per il 31-45. I locali con Belotti accorciano (37-47), ma è ancora il regista gialloblu a trovare due triple in rapida successione che valgono il 39-55 al 27′. Agliana tocca il -12 (43-55), ma l’Abc risponde con il giovanissimo Daly che infila cinque punti consecutivi per il massimo vantaggio ospite (43-60 al 29′). I locali rosicchiano qualche punto, ma niente che possa impensierire i gialloblu: la frazione si chiude sul 48-62.
Nell’ultimo quarto nessuno scossone: Agliana non riesce a trovare il bandolo della matassa di fronte ad una Abc che rispedisce ogni volta al mittente i tentativi di rimonta dei padroni di casa. La truppa castellana gestisce in maniera esemplare il vantaggio accumulato e sulla sirena il tabellone segna 61-77. Una vittoria che sa davvero di impresa.

PALL. AGLIANA 2000 – ABC CASTELFIORENTINO   61 – 77

Parziali: 15-25; 16-17 (31-42); 17-20 (48-62); 13-15 (61-77)

Pall. Agliana 2000: Bogani 23, Bargiacchi, Belotti 5, Limberti, Razzoli 3, Pinna 3, Mancini, Nieri 9, Berti, Cavicchi 5, Puccioni 13. All: Bertini.

Abc Castelfiorentino: Montagnani 4, Delli Carri 13, Belli 6, Cantini, Tozzi 7, Papi 8, Daly 5, Manetti 12, Corbinelli 19, Taiti 3. All: Bagnoli. Ass: Betti, Lazzeretti.

—-

FUCECCHIO

Dopo le prime tre partite già si delineano le potenzialità delle squadre e dopo due sconfitte esterne pesanti, importante per la Folgore era vincere ancora in casa contro una probabile rivale diretta per la salvezza.
Infatti i padroni di casa partono forte, con più organizzazione di gioco e precisione al tiro concludendo il primo quarto 23-11.
Montale si registra e punta sulla pressione e difesa intensa, raddoppiando sistematicamente su Tessitori e mettendo in difficoltà la Folgore che si trova spesso al tiro forzato alla fine dei 24 secondi e riuscendo così a rimanere in partita fino all’intervallo sotto di un solo punto sul 36-35.
Il terzo tempino si gioca sulla scia dei primi due, ovvero con Montale in difesa forte ed alta tale da valere molte più palle recuperate, contropiedi ed una buona rotazione dalla panchina per avere sempre un quintetto fresco, Fucecchio invece soffre la pressione e non riesce ad esprimere tutto il potenziale di attacco, ma non subisce mai il sorpasso grazie alle bombe da tre punti di Paci e soprattutto Stolfi che in due casi realizza da distanza notevole infiammando gli spalti e chiudendo all’ultimo intervallo sul 55-53.
Siamo nell’ultimo tempino ed il gioco del Montale che non fa ragionare Fucecchio produce il massimo risultato strappando a 3 minuti dalla fine il pareggio sul 71-71, mettendo paura ai padroni di casa ma dando però il via al valzer delle palle perse da entrambe le parti; nota di merito per il giovane Gazzarrini di Fucecchio che entra e ben figura in difesa e 4 punti d’oro che assieme ad una buona realizzazione ai tiri liberi permettono alla Folgore di chiudere la partita sul 79-74.

CERTALDO

Nella quarta giornata del campionato di serie C Gold la Virtus Lorenz C.M.S. Certaldo, sempre alle prese con le assenze degli infortunati Fimia, Granchi e Barbieri, e con Borgianni perso a partita in corso per un piccolo infortunio, sfiora una vera e propria impresa in trasferta contro il C.M. Lucca, squadra considerata fra le favorite del campionato, perdendo soltanto dopo un tempo supplementare per 87-84 (21-17, 38-41, 57-63, 74-74, 87-84). La partita, per certi aspetti memorabile e nella quale è successo un po’ di tutto, si è decisa soltanto negli ultimi secondi, con i dettagli a fare la differenza, e purtroppo favorevoli ai padroni di casa. Lucca si è trovata avanti 15-4 al 6°, 19-8 all’8° e 21-9 al 9°. In 2 minuti la Virtus Certaldo, con un parziale di 12-0, ha riportato il punteggio in parità sul 21-21 all’11°. Per una quindicina di minuti la Virtus Certaldo ha tentato la fuga, toccando il suo massimo vantaggio al 26° sul 47-55. Nei 12 minuti successivi c’è stato il lento ma costante recupero dei locali, che al 38° sono tornati in vantaggio di 1 punto (72-71). Finale di gara incandescente, con ciascuna delle 2 squadre ad un passo dalla vittoria, ma nessuna delle 2 è riuscita a prevalere, arrivando così al 40° sul 74-74. Il tempo supplementare ha ricalcato in pieno gli ultimi 2 minuti dei tempi regolamentari, con adrenalina a mille per tutti i tifosi, ma i dettagli, che di fatto hanno deciso la gara, sono stati favorevoli ai padroni di casa, vittoriosi poi di 3 punti. Impossibile raccontare perbene la cronaca di questa gara. Il C.M. Lucca, considerato tutto, ha rischiato grosso di non vincere la gara. Considerata una squadra tra le migliori del girone, giocava in casa contro un’avversaria in formazione assai rabberciata, ma ha stentato molto, sfiorando per un soffio la sua seconda sconfitta consecutiva. La Virtus Certaldo ha disputato un “partitone” sotto tutti i punti di vista, unica pecca la scarsa % nei tiri da 3, che nelle fasi decisive ha poi fatto la differenza. Una volta recuperati i giocatori in infermeria, sarà molto dura per le altre squadre riuscire a prevalere contro la Virtus Certaldo, formazione dalle mille risorse e allenata in maniera egregia. Questi i tabellini. Lucca: Danesi 24, Benini 21, De Falco 14, Loni 12, Del Debbio 7, Drocker 7, Pierini 2, Russo 0, Puccinelli 0, Lombardi n.e., Cecconi n.e., Santini n.e., allenatore Piazza. Certaldo: Pucci 22, Tognazzi 22, Moroni 13, Spampani 9, Cataldo 7, Lazzeri 7, Borgianni 4, Calvani 0, Santangelo n.e., Viani n.e., allenatore Baldini.

RISULTATI E CLASSIFICA

A proposito dell'autore

Redazione

Sempre pronti a pubblicare le vostre notizie di sport. Scriveteci a redazione@valdelsasportiva.it / 3394914562

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*