LASTRA A SIGNA. Forte, brillante, giovane e con una dote importante in più quella di essere intelligente, il ventenne umbro Michele Corradini ha vinto su 11 compagni di fuga la settima edizione del Gran Premio Città di Lastra a Signa riservata ad élite e under 23. Uno sprint dominato dalla Mastromarco Sensi Nibali, in quanto secondo è giunto il diciannovenne Fiaschi, tornato alle gare dopo la fase che lo ha visto impegnato con gli studi. Terzo e dopo un’ottima prestazione personale e dei compagni di squadra si è classificato il campione regionale élite Bernardini. Uno sprint che purtroppo ha fatto registrare anche una caduta al centro del plotoncino, di Cianetti del Malmantile Gaini che ha coinvolto anche Antonio Zullo del Team Futura Rosini. Escoriazioni per Cianetti, da valutare le condizioni di Zullo finito con il volto sull’asfalto. La gara fiorentinA è vissuta su tre momenti. Dopo 10 Km la fuga di 15 corridori con diversi di loro che ritroviamo in testa fino alla fine per cui gli ricordiamo: Bernardini, Cianetti, Brogi, Titi, Marchesini, Tortomasi, Lanzano T., Bellini, Shnyrko, Piselli, Brovelli, Kopshti, Anselmi, Fiaschi, Brunetti. Secondo momento il rientro a 20 Km dal traguardo di Corradini, Bernardinetti, Rekita, Antonio Zullo e Colonna. Infine la bagarre tra i 20 di testa sul “muro” del Castello di Montelupo Fiorentino a 10 Km dall’arrivo. Erano Cianetti e Tortomasi a rompere gli indugi ma dietro si accendeva la bagarre e sulla testa si formava il drappello di 12 corridori che andava a contendersi il successo sul nuovo rettilineo di arrivo quello di via Giusti, altra novità proposta dagli organizzatori come quella dell’inserimento della salita di Bracciatica percorsa per 4 volte. Ma prima di giungere all’epilogo splendidamente risolto da Corradini, occorre ricordare la grande vivacità e generosità di Brovelli per tre volte all’attacco nel tentativo di evitare lo sprint. Hanno provato anche Rekita e Corradini, che si è giovato del prezioso sostegno del compagno di squadra Fiaschi. Ma l’ultimo allungo è stata neutralizzato all’imbocco della dirittura di arrivo con Corradini che è andato a vincete nettamente cogliendo così il secondo successo stagionale dopo quello a fine luglio conquistato a Caserana di Quarrata nel Pistoiese. La gara di Lastra a Signa (il via è stato dato dal sindaco Angela Bagni e dal presidente del Comitato Regionale Toscano Giacomo Bacci), era anche la terza prova del Memorial Mauro Mancini con una classifica determinata dalle tre gare allestite dalla Ciclistica Malmantile Gruppo Corse che ha visto il successo finale come nel 2015 di Marco Bernardinetti. La serata di premiazione il prossimo 7 settembre in Piazza Piave a Malmantile.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Michele Corradini (Mastromarco Sensi Nibali) Km 137, in 3h10’15”, media Km 42,876; 2)Tommaso Fiaschi (id.); 3)Simone Bernardini (Malmantile Gaini); 4)Szymon Rekita (Altopack Eppela); 5)Adriano Brogi (Team Futura Rosini); 6)Yuri Colonna (Palazzago Amaru); 7)Marco Bernardinetti (Malmantile Gaini); 8)Leonardo Tortomasi (Altopack Eppela); 9)Giuseppe Brovelli (Gragnano Sporting Club); 10)Riccardo Marchesini (Altopack Eppela).

A proposito dell'autore

Antonio Mannori

Antonio Mannori è uno dei massimi esperti di ciclismo della Toscana. Scrive per diversi siti di informazione e quotidiani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*