Dopo l’edizione dello scorso anno quando questa gara in Val di Chiana , una delle più antiche in assoluto del calendario nazionale con le sue 94 edizioni, fu Campionato Italiano Elite vinto da Gianluca Milani, il gruppo sportivo locale con alla testa Costantino Malentacchi e Marco Barbagli, sindaco di Marciano della Chiana nel cui territorio si trova Cesa, sono tornati ad ospitare la gara regionale valevole anche come Trofeo S.Lucia. Il successo questa volta premia Daniele Trentin portacolori della Malmantile Gaini che con uno spunto travolgente ha regolato altri quotatissimi velocisti centrando l’obbiettivo. Dopo la vittoria sfuggita sabato scorso in casa nella gara di Lastra a Signa, il team biancorosso del presidente Luciano Lari e guidato da Politano e Dessolini si è rifatto in questa corsa di prestigio disturbata anche dalla pioggia che è iniziata a cadere dopo una cinquantina di chilometri. Non era facile imporsi gli antagonisti erano agguerriti e la seconda piazza è stata conquistata da Radice mentre terzo è giunto De Marchi. Scorrendo l’ordine di arrivo di questo 94° Circuito di Cesa-Trofeo S.Lucia troviamo poi il livornese Raffaele reduce dalla vittoria di una settimana fa a Bevagna, quindi il campione nazionale moldavo Raileanu protagonista e sul podio sempre in Toscana domenica scorsa a Castelnuovo Val di Cecina.

Il ritrovo della corsa nella zona industriale “Il Granaio” e dei 140 iscritti, sono stati 113 di 20 formazioni a prendere il via sul classico percorso, con sei giri iniziali più i tre finali più impegnativi. Vertiginosa la media (quella finale superiore ai 43 orari) con vari tentativi di fuga che hanno scremato il gruppo mentre il finale è stato ricco di altrettanti episodi prima dell’epilogo che ha visto al primo posto Trentin, classe 1992, al primo successo della stagione dopo aver conquistato un secondo posto a Lunata, il terzo a Malmantile ed il quarto nel Giro delle Valli Aretine a Rigutino.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Daniele Trentin (Malmantile Gaini-Taccetti Vibert Itala) Km 130 in 3h10’, alla media di Km 43,293; 2)Raffaele Radice (Norda MG K Vis); 3)Mattia De Marchi (Cycling Team Friuli); 4)Angelo Raffaele (Team Figros); 5)Cristian Raileanu (Gaiaplast Maglificio Bibanese); 6)Lorenzo Friscia (GFDD Altopack Eppela); 7)Alessandro Pessot (Cycling Team Friuli); 8)Tiziano Lanzano (Acqua & Sapone Mocaiana); 9)Ettore Carlini (Life Team); 10)Antonio Merolese (Uc Porto Sant’Elpidio).

L’intenso programma gare del mese di agosto per gli élite under 23 si è concluso con il 71° Gran Premio Comune di Cerreto Guidi su di un tracciato che prevedeva quattro passaggi dalla salita di Poggio Tempesti, e due dalla breve ma arcigna salita di Gavena-Corliano, prima del giro finale in pianura ma con i due chilometri finali in salita da Lazzeretto fino al traguardo di Cerreto Guidi dove al termine di una volata a gruppo compatto si è imposto con un guizzo formidabile Marco Bernardinetti della Malmantile Gaini al sesto successo stagionale. Un’ennesima conferma della bravura di questo atleta che meritava ampiamente di passare professionista già nella passata stagione dove fu grande protagonista. L’augurio che Marco ce la possa fare a salire di categoria. Nelle vesti di vincitrice dunque ancora la società fiorentina dopo il successo del giorno prima di Trentin a Cesa. Una bella conferma dell’ottimo collettivo del Malmantile Gaini, che dopo il riposo di Livigno può esprimersi con tutto il suo potenziale in un momento ricco di gare. Conferma anche di Fiaschi già secondo sabato a Lastra a Signa; un giovane di classe e talento che libero dallo studio può ora puntare al primo successo come under 23, e bravo Pacinotti autore anche di un tentativo solitario prima di conquistare il terzo posto nel volatone finale.

La prima fuga protagonista l’empolese Mancini dopo 10 Km. Raggiunto il battistrada si susseguivano ma senza esito i tentativi con reazione immediata del gruppo. Tra coloro che provavano attorno al Km 70 sulla salita di Poggio Tempesti il campione toscano under 23 Pacinotti che transitava dal traguardo con 20” sul gruppo. Rientrata anche questa fuga provavano in sette ma senza successo quindi era volta del terzetto formato da Savini, vincitore domenica a Castelnuovo Val di Cecina, dal polacco Rekita e da Carlini che transitavano al suono della campana a una ventina di Km dal traguardo con 15” sul gruppo. Nell’ultimo giro in pianura a parte la salita verso il traguardo il terzetto era raggiunto ed il gruppo annullava anche gli ultimi generosi tentativi e quindi era volata generale per il successo. Chiuso il mese di agosto quello di settembre è altrettanto ricco di gare in Toscana e si apre sabato prossimo con la 49^ Coppa Fiera di Signa (159 gli iscritti), cui seguirà 24 ore dopo la gara nazionale di Corsanico, martedì 6 il Giro Nazionale del Valdarno a Figline, domenica 11 il Gran Premio Industrie del Cuoio e delle Pelli a Santa Croce sull’Arno e martedì 13, la Coppa Loro Ciuffenna. Tutte le gare saranno riservate agli élite e agli under 23.

ORDINE DI ARRIVO: 1)Marco Bernardinetti                         Km 130, in 3 ore, media Km 43,333; 2)Tommaso Fiaschi (Mastromarco Sensi Nibali Cipros); 3)Niccolò Pacinotti (Hopplà Petroli Firenze).

                                   Antonio Mannori

A proposito dell'autore

Redazione

Sempre pronti a pubblicare le vostre notizie di sport. Scriveteci a redazione@valdelsasportiva.it / 3394914562

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*