Gli Under 20 di coach Carboncini tornano da Verona con 5 punti guadagnati sul campo, con tenacia, e grande senso di squadra. Il gruppo si è stretto intorno a Capitan Carboncini, che reduce da una settimana di lotta contro una dolorosa infiammazione al Colon, era al 50% della condizione. Assenti Pratesi per un problema fisico, e Michi per motivi di studio, si è visto il positivo rientro di Scudier, e fondamentali le presenze di Rosso, Gatti, Cecchi, e Sanna. Non da meno, Amato e Rodio, sempre presenti in squadra dall’inizio del camppionato. Ultimo, ma non ultimo, il portiere Taddei, che si è ripreso al 100% dall’infortunio, ed è stato, come al solito, decisivo nello svolgimento delle partite. Ma veniamo alla cronaca:

Empoli-Asiago 3 a 2

 Empoli inizia la partita con la difesa schierata a zona, ma la squadra è capace di cambiare modulo da un cambio all’altro, in modo da non dare punti di riferimento agli avversari. Il primo vantaggio è per Asiago, grazie ad un tiro improvviso dalla media distanza di Zabbari, su assist di Cappellari, che sorprende Taddei, che probabilmente aveva la visuale coperta (min. 2,39, 1 a 0 Asiago). Il pareggio empolese è da Cineteca, con un contropiede fulmineo di Sanna, che tira al volo, bravo il portiere Olando, che però concede il rimbalzo, ed è pronto Scudier, che insacca da distanza ravvicinata (1 a 1 min 7,39). Poco dopo la replica, ma stavolta sono protagonisti Gatti (goal), e Carboncini (assist), per il vantaggio biancoazzurro (2 a 1 Empoli, min. 8,45). La partita resta vivacissima, con Asiago che non ha nessuna intenzione di arrendersi, e trova di nuovo il pareggio con Cantele, su azione personale (2 a 2, min. 11.28). Al min. 19,29, Scudier, in una delle sue irresistibili azioni di disturbo, costringe al fallo Cantele, e sarà lo stesso Scudier, su azione personale, a sfruttare il Power Play, riportando in vantaggio i Toscani (3 a 2 Empoli, min. 19.54). Il secondo tempo è caratterizzato da un gioco più nervoso, e fioccano le penalità. Due volte in panca puniti scudiere, anche Cantele torna in panca puniti, come due volte Frigerio, e una Zabbari. Nessuna delle due squadre riesce a sfruttare la superiorità numerica, e il risultato resta invariato fino alla fine, con Empoli che porta a casa 3 punti pesanti.

Verona-Empoli 4 a 5 (rigori)

Partita combattuta, dura, piena di penalità, e colpi di scena. I Flying Donkeys, sull’entusiasmo della vittoria su Asiago, iniziano bene, e nonostante capitan Carboncini inizi ad accusare la stanchezza, unita alla debilitazione per la convalescenza di cui sopra, la squadra gira bene. Un 1-2 secco, pare poter affondare l’orgoglio di Verona, inizia le danze Gatti su assist del solito Sanna, difenzore dispensatore di passaggi preziosi in qualunque momento (min. 3,56, 1 a 0 Empoli). Il raddoppio arriva dopo pochi secondi, stavolta è Carboncini a segnare, su assist di Rocco. Verona non è mai domo, e accorcia le distanze poco dopo, con Novarese su assist di Sabaini 2 a 1, min. 05,19), e addirittura pareggia, con Sabaini su azione personale. Tutto da rifare, per Empoli, che inizia il secondo tempo con un po di preoccupazione, che risulterà giustificata dal goal del vantaggio di Verona, di Furlan, su assist di Raccanelli (min. 24,06 3 a 2 Verona). L’altro problema, che sembra inspiegabile, riguarda la sterilità di goal della linea Power Play, sono molto le penalità a favore non sfruttate, troppe, e questo fa aumentare lo sconforto dei giocatori. A meno di 5 minuti dalla fine, arriva il 4 a 2 di verona, con Ederle su azione personale. Goal che avrebbe stroncato le gambe a qualunque squadra, ma non ai Flying Donkeys; La squadra butta il cuore oltre l’ostacolo, e accorcia le distanze con Rosso, su assist di Carboncini (min. 35,36, 4 a 3), e pareggia con Gatti, su azione personale (min. 38,56, 4 a 4).

 La sirena della fine vede le squadre in perfetta parità, e si va all’overtime. Si gioca 3 contro 3 (+ portieri), e l’occasione per Empoli è ghiotta, visto che per Verona è in panca puniti Ederle, quindi Empoli in 3 contro 2 di Verona. Ma ancora una volta, i Biancoazzurri non sfruttano il Power Play, quindi il risultato non si sblocca. Al termine dei 5 minuti di overtime, le squadre sono ancora in parità, e si va ai rigori.

Tre rigori per parte, e per Empoli segna Carboncini, e anche Verona mette un disco alle spalle di Taddei. Si va a oltranza, ma sarà ancora una volta “mani morbide” Carboncini a segnare per Empoli, mentre il portierone Taddei abbassa definitivamente la saracinesca, permettendo ai Flying Donkeys di guadagnarsi i 2 punti della vittoria ai rigori.

 Una Domenica ricca di emozioni, che ha evidenziato un gruppo di grande coesione e carattere, con giocatori che si integrano alla perfezione, per caratteristiche tecniche. Anche se alcune cose sono da rivedere, a partire dal Power Play, che in una giornata come questa, con tante superiorità a favore, poteva spianare la strada alla squadra, che invece ha dovuto soffrire e lottare più del necessario.

 

A proposito dell'autore

Redazione

Sempre pronti a pubblicare le vostre notizie di sport. Scriveteci a redazione@valdelsasportiva.it / 3394914562

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*