IL TABELLINO

#SerieBMaschile

#ETRURIA – Lerici 10 – 11 (1-4; 4-2; 3-3; 2-2)

#ETRURIA: Desideri, Gambacciani, Fiaschi, Lazzeri, Maltinti (2), Bellucci, Verdiani (1), Baronti, Rossi (5), Baggiani (1), Di Bella, Parrini, Meozzi (1). All.: Balzano.

Lerici: Carella, Palmas, Mezzasalma, Telara (1), Zaric (1), Pagliuso (1), Ugolini, Kincses (4), Chemeri (3), Virdis (1), Pelliccia, Ciardi, Durno. All. Venturelli.

Sapore di beffa – Nonostante la solita partenza ad handicap i biancoazzurri restano in partita e trovano il primo vantaggio a 2’12 dal termine. Ma dopo il pari di Chemeri, a 14” dalla fine è Telara a deciderla in superiorità numerica.

Partenza shock, rimonta e delusione finale – Quella che scende in acqua nel primo quarto è un’Etruria poco convinta, tanto da lasciare a Lerici l’opportunità di realizzare tre volte ad uomini pari ed una in superiorità, prima di svegliarsi abbandonando il parziale col gol in uomo più di Verdiani.

Ma nel secondo parziale, aperto con l’uno-due Maltinti-Rossi la squadra di Balzano riesce a compattarsi, limitare Kincses in difesa e impattare l’altro tentativo di allungo ospite con la prodezza da boa ancora di Maltinti e un gol di Meozzi trovatosi libero di concludere da posizione 5. A chiudere il quarto è la rete proprio di Kincses, nell’unica occasione concessa in ripartenza alla boa attardatasi nel rientro e fortunata nel trovarsi in mano il pallone dopo l’errore offensivo degli empolesi.

Una volta accesasi la partita diventa al cardiopalma, con capovolgimenti di fronte continui e gol da una parte e dall’altra. Mattatore del parziale per l’Etruria è il mancino Rossi, autore di tutti e tre i gol della squadra: i primi due servono a raggiungere la parità dopo il gol in superiorità numerica di Kincses, mentre col il terzo accorcia a -1 dopo un nuovo break ligure.

L’ultimo quarto inizia nel migliore dei modi per i biancoazzuri che con due reti con l’uomo in più agganciano e scavalcano Lerici: sono Baggiani con una conclusione precisa da fuori e Rossi col quinto gol personale da posizione 1 a far gridare di gioia il pubblico presente sugli spalti. Una soddisfazione ahimè fugace visto che esattamente 20” dopo Chemeri pareggia e a 29” dal termine l’espulsione di Verdiani nel tentativo di impedire la conclusione a Kincses concede a Venturelli l’opportunità del time-out concretizzato da Telara trovatosi libero di colpire da fuori. È il colpo del ko immeritato al termine di un match elettrizzante da cui l’Etruria non meritava di uscire sconfitta.

Balzano non parla e sabato può essere decisiva – “Preferisco un “no-comment” che spesso è meglio di mille parole” si esprime così l’allenatore dell’Etruria a fine partita, che adesso dovrà preparare al meglio la partita contro l’NGM lontana 4 punti e probabile concorrente diretta per la salvezza. Appuntamento alla “Nannini” alle 19.

LA CLASSIFICA

Sportiva Sturla 24; RN Arenzano 21; CN Sestri, Dinamica Torino, Lerici 18; Rapallo Nuoto 15; Acquasport Firenze 9; NGM Firenze 7; ETRURIA 3; Albaro Nervi 1.

 

Ufficio Stampa

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*