Orvieto ha ospitato la terza delle quattro prove previste nel circuito di gare che permettono di aggiudicarsi il Trofeo Pegaso alla sua seconda edizione. Una serie di defezioni ha impedito la partecipazione di molti giovani atleti del Club Scherma Cambiano di Empoli che ha comunque inviato uno dei suoi schermidori più di spicco: lo spadista Giammarco Verdiani della categoria “ragazzi”.

Già nella fase dei gironi eliminatori, l’atleta empolese ha dato prova della sua forma eccellente, aggiudicandosi tutti i 6 assalti ed incassando soltanto 13 stoccate. Secondo nella classifica provvisoria di una gara che vedeva partecipare schermidori della categoria ragazzi (12 anni) insieme a quelli della categoria allievi (13 anni) per un totale di circa 40 atleti. Passa di diritto la prima eliminazione diretta per poi imporsi 15-9 su Leonardo Del Signore di Terni nell’incontro che lo fa entrare nei primi sedici. Nel terzo assalto di diretta, valido per entrare nei primi otto, scende in pedana con uno dei favoriti del torneo: Christi Bocci di Foligno, appartenente alla categoria superiore. Giammarco non si fa intimorire e lotta come un leone stoccata dopo stoccata. Su nove pari, un clamoroso errore arbitrale nel segnare il punteggio assegna il punto soltanto a Bocci mentre l’apparecchio di segnalazione aveva indicato chiaramente il “colpo doppio”, valido nella specialità della spada. Inutili le proteste dell’atleta empolese che perde così la concentrazione, lasciando a Bocci l’accesso nei primi otto. L’atleta di Foligno si è poi aggiudicato il primo posto, rendendo ancora più amaro l’esito dell’assalto con l’atleta del Cambiano. Giammarco Verdiani ha comunque conquistato il nono posto nella classica generale e un ottimo terzo posto nella classifica della categoria “ragazzi”.

Ufficio stampa Club Scherma Cambiano

A proposito dell'autore

Redazione

Sempre pronti a pubblicare le vostre notizie di sport. Scriveteci a redazione@valdelsasportiva.it / 3394914562

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata


*